Spazio viaggi: Siviglia

Volete passare un weekend fuori e non sapete dove andare? Ve lo dico io! Andate a Siviglia!

È una splendida città andalusa, piena di cultura, di storia e di buon cibo. Io ci sono stata con il mio ragazzo quest’estate e ce ne siamo innamorati!

Si visita benissimo e comodamente in due o tre giorni, non di più quindi può essere una tappa perfetta e immancabile per un tour dell’Andalusia.

Le attrazioni principali sono tutte nel centro storico e sono assolutamente imperdibili:

  • la cattedrale (patrimonio dell’UNESCO) e la torre della Giralda con le sue 35 rampe per arrivare fino in cima da cui si gode di uno splendido panorama della città.

 

DSC_0556.JPG

Tutto bianco perché le temperature sono quasi equatoriali!

 

  • il Real Alcázar (altro patrimonio dell’UNESCO meritatissimo), un mix di cultura spagnola e araba. Giardini stupendi e delle ceramiche dai colori favolosi. In quei giardini ci si perde (io mi sono persa sul serio!) e si cammina parecchio, ma fortunatamente nascosto tra gli alberi c’è un piccolo punto di ristoro;

 

DSC_0598.JPG

Guardate che colori meravigliosi!

 

  • la Plaza de Toros, l’arena dei tori dove ancora oggi si svolgono le corride. Nel biglietto d’ingresso è compresa anche la visita guidata in inglese e spagnolo. Merita davvero perché entrando nell’arena ti senti quasi un torero che si prepara ad affrontare il toro!

 

DSC_0482.JPG

Anche qui i colori sono una meraviglia!

 

  • Altra vera perla della città è Plaza de España, una enorme piazza con fontane, ponti e ceramiche stupende. Si trova un po’ fuori dal centro città e per raggiungerla a piedi ci vuole un po’ di tempo. Per esperienza personale vi consiglio di non farvela a piedi dal centro alla piazza soprattutto se decidete di visitare la città in AGOSTO!

 

DSC_0675.JPG

Sembra una cartolina, vero?

 

Noi alloggiavamo in un carinissimo hotel poco distante dal centro, il “Petit Palace Canalejas “: le camere sono piccole, ma molto pulite ed ordinate. La colazione non era compresa nel nostro soggiorno, ma al mattino andavamo in una bakery poco distante da lì, “Santa Gloria Bakery” che sfornava dei dolci deliziosi: ogni giorno ne provavamo uno diverso!

Ovviamente uno dei punti forti della Spagna è il cibo e Siviglia non ha deluso le nostre aspettative: si mangia bene e si spende poco! Vi consiglio di evitare i ristoranti troppo turistici, quelli con il menu scritto in 150 lingue diverse perché si rischia di non mangiare bene e di spendere tanto.  La cosa migliore è cercare i tapas bar, di cui la città è piena, dove si mangia tanto senza accorgersene e si spende poco; una sera abbiamo mangiato 8 tapas in due (sembra poco, ma in realtà a fine cena eravamo pieni), bevuto sangria e abbiamo speso in totale 25€! Noi ne avevamo due preferiti:

  • Patanchon y patanchon:
  • La sacristia.

Entrambi si trovano in una calle proprio di fronte alla cattedrale, quindi in pieno centro storico. Nonostante questo si spende poco (da 2,50€ a 3,50€ a tapas) e si mangia benissimo. Consiglio di provare le crocchette alla coda di toro (non fatevi spaventare dal nome perché sono buonissime!), i montaditos, che sono dei piccoli panini farciti o con una tortilla oppure con el jambon iberico accompagnati dalle salse. Da Patanchon abbiamo mangiato anche delle ottime melanzane gratinate che non sono assolutamente come ti aspetti, ma sono buonissime! Il pesce  poi è sempre buono, cucinato in qualunque modo. Non potete non accompagnare il tutto bevendo della sangria, ma se proprio volete bere qualcosa che non sia tipico del turista, dovete assaggiare “el tinto de verano”(2€/2,50€), somiglia alla sangria ma viene servita in bottiglietta, è molto più fresca e scende molto più facilmente. Ma attenzione: proprio perché è fresca e buona, non vi accorgerete che è anche forte e potrebbe regalarvi delle sorprese se non state attenti (anche se una bevuta in più in vacanza è sempre concessa!).

Noi abbiamo visitato Siviglia in agosto, che non è proprio il mese adatto perché le temperature raggiungono comodamente i 45° (addirittura l’ultimo giorno ce n’erano 47°!). Durante il giorno si riusciva a stare in giro fino alle 17, ma poi eravamo obbligati a tornare in hotel a farci una doccia perché il caldo era insopportabile. La sera le temperature non scendevano mai sotto i 28-30°, ma si respirava un pochino di più. Nelle ore più calde della giornata, dalle 12 alle 15, cercavamo ombra ovunque oppure ci sedevamo nei bar, tutti dotati di nebulizzatori che a volte salvano davvero la vita! Il periodo più adatto per visitare la città è quello tra l’autunno e la primavera, dove non fa ancora eccessivamente caldo e si può visitare la città più tranquillamente.

In conclusione, consiglio a tutti di visitare questa splendida città, che è la perla dell’Andalusia!

Tutte le info per organizzare questo viaggio le ho ottenute dalla guida pocket di Siviglia della Lonely Planet, che si può acquistare o ordinare in tutte le librerie oppure se preferite si può comprare direttamente dal sito Lonely Planet.

 

Baci stellari.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...